L'Atene di Roztocze è un progetto-sintesi di Gerusalemme come simbolo della rivelazione divina dell'Antico e del Nuovo Testamento, dell'antichità dalla Grecia come culla della filosofia e della scienza in genere, dell'antica Roma con il diritto romano, sorprendentemente fedele al diritto naturale e la capitale della Santa Chiesa Cattolica di nostro Signore Gesù Cristo come vero Dio e insieme vero Uomo, fondata per Volontà del suo Divin Fondatore sul Collegio degli Apostoli con S. Pietro al timone.

Gerusalemme sarà simboleggiata da una raccolta di figure dei grandi Santi dell'Apocalisse nell'Antica Alleanza: Patriarchi, Profeti, Apostoli e altri, e sette colonne per ogni edificio in omaggio ai sette giorni della creazione e ai sette giorni della redenzione (Settimana Santa) - le più grandi opere della Santissima Trinità: Padre, Figlio di Dio e Spirito Santo.

Socrate, Aristotele e PlatoneL'antica Atene con Ionia, da cui provengono i filosofi presocratici, con Socrate, Platone e Aristotele in testa, esporrà colonne di quercia con capitelli ionici.

Roma come patria del diritto romano e della Chiesa cattolica sarà evidenziata dalla cappella sul monte con la Santa Famiglia, Nostra Signora di Gietrzwałd e i Santi come Principali Patroni di tutti i continenti della terra. Sarà circondato da venti colonne di quercia con venti cappelle del rosario (messaggio della Madonna a Gietrzwałd nel 1877 in polacco: "Pregate il Rosario ogni giorno") con immagini meravigliose e uniche dei misteri realizzati sulla base del SantaVangelo e visioni mistiche di Anna Katharina Emmerich, alla quale il Signore Gesù disse personalmente: "Non vi sto raccontando questa storia per voi, ma vi è data per dimostrare che voglio restare con la Mia Chiesa fino alla fine del mondo".

Inoltre, vogliamo organizzare una biblioteca con le opere di possibilmente tutti i più importanti filosofi e pensatori del mondo, una raccolta di dipinti artistici con i loro ritratti arricchiti con i tratti più caratteristici dei loro pensieri in tre case separate: Casa dell'Antica Filosofia, Casa della Filosofia Medievale e Casa della Filosofia Moderna e Contemporanea.

Non dimentichiamo l'anfiteatro come luogo di ritrovo per chi ama la parola detta o cantata. Sarà anche costruito su sette colonne a forma di aquila di Piast.

Tutti gli edifici saranno circondati da un nastro largo 33 cm bruciato in ceramica come elemento d'arte che collega gli antichi greci e i proto-slavi con la preghiera incisa come sintesi della nostra santa fede cattolica e apostolica.

Ci sarà anche un mini-zoo con simpatici animali: cavalli: "Hoss" e "Tymian", pony: "Asia", "Werek", "Kubuś" e "Karuś", asino "Lolek", capra "Basia", daini e cani: "Hektor" e "Puszek".

Due porte simboliche condurranno al tutto: la porta della creazione e la porta della redenzione, su cui sarà posto il nostro Logo per realizzare costantemente il nostro essere: temporale nel tempo, ma invitato dal Divino Creatore a passare per la porta del salvezza ed esistere nel Regno dei Cieli, nella Casa di Dio con gli Angeli e i Santi eternamente e in piena felicità e benedizione.

Rev. Prof. Dr Tadeusz Guz